[In giro] Parco Naturale Regionale Gola della Rossa e di Frasassi: lungo il Sentino e al Tempio del Valadier

Mattinata del 1° Maggio trascorsa a spasso, vicino a casa! Sono tornata infatti nella zona di Frasassi, all’interno del Parco Naturale Regionale Gola della Rossa e di Frasassi. Lungo la Gola della Rossa ci sono alcuni punti di accesso al torrente Sentino e si trova un sentiero che porta al Tempio del Valadier: ecco molto brevemente in cosa è consistito il mio tour, ovviamente documentato da diversi scatti!
Il tratto di torrente ritratto oggi si trova qualche metro al di sotto del livello stradale ed è spettacolare. Questo torrente tocca Marche ed Umbria con la sua lunghezza di 45 km; inoltre è un affluente del Fiume Esino.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Ero lì col mio cane e dopo averlo fatto divertire un po’, l’ho richiamato all’ordine per prendere il sentiero che porta al Tempio del Valadier. Questo sentiero si trova a circa un 1 km dalla Grotta Grande del Vento, cioé la grotta d’ingresso alle Grotte di Frasassi.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Una volta in cima, arriviamo ad un’altra grotta, la Grotta della Beata Vergine di Frasassi.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Questa grotta è una cavità naturale che si estende per 4,5 km ed ospita una nutrita colonia di pipistrelli. Inoltre ospita il Tempio del Valadier (dal nome del suo architetto), che fu costruito per volere di Papa Leone XII. Nella foto sotto, il tempio del Valadier visto dalla Grotta della Beata Vergine di Frasassi:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Qui invece il panorama che si può ammirare ponendosi sul lato destro del tempio:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Quest’altra foto invece è stata scattata proseguendo sul lato sinistro del Tempio del Valadier, vicino a quel che resta di un vecchio Santuario:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

E infine il sentiero da imboccare per rifare il sentiero e poter tornare a casa:

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

Fonti delle informazioni riportate in questo post:

[In giro] Fabriano InAcquarello 2017

Fabriano InAcquarello 2017
Nei giorni scorsi, dal 20 al 23 Aprile, si è tenuta a Fabriano la settima edizione di Fabriano InAcquarello, manifestazione che riunisce artisti acquarellisti provenienti da tutto il mondo. Gli artisti partecipanti hanno partecipato a workshop, demo, momenti di pittura collettiva e di pittura en plain air, dislocati nel centro storico della città. Circa un migliaio di acquarelli potranno essere ammirati, suddivisi in 38 mostre, fino al 15 maggio. Nella kermesse sono state coinvolte anche Ancona, Cerreto d’Esi, Genga, Gubbio, Sperlonga, Spoleto e Urbino.
Io ho fatto qualche scatto nelle giornate del 22 e 23 Aprile:

Diapositiva di me che riesco a scattare foto decenti!

Ieri una bella sorpresa per me che uso Instagram più per gioco che per hobby: per la terza volta in poco tempo, un grosso profilo che seleziona e fa il repost degli scatti dei followers ha selezionato una mia foto!
Si tratta di Fotografando l’Italia, che passa dal mio profilo per la seconda volta e seleziona una delle foto scattate al Lago di Fiastra, durante la mia gita di Pasquetta. Ecco lo screen:

Scatti Lago di Fiastra

Il repost originale lo trovate ovviamente nel profilo di Fotografando l’Italia.
Mi fa piacere perché io ancora uso Instagram solo per lo scopo che lo ha visto nascere: scattare e pubblicare istantaneamente una foto dal proprio smartphone, senza pensarci troppo su! Finora tutti i miei scatti provengono dal mio smartphone da nemmeno 200 euro, non ho una macchina fotografica seria e non lo considero nemmeno un hobby… Devo però ammettere che qualcosa sulla fotografia l’ho letta e una certa macchina per imparare a fare le foto l’ho adocchiata… Chissà! Per ora continuerò a scattare foto dal mio smartphone, per il prossimo livello c’è tempo!

[In giro] Pasquetta in riva al Lago di Fiastra

Ieri ho trascorso una tranquilla Pasquetta in riva al Lago di Fiastra, nella zona del cratere sismico, molto vicina ai vari epicentri dei terremoti con la magnitudo più elevata. Una zona che sta cercando di ripartire nonostante le ferite inferte dal sisma siano ancora ben visibili lungo il percorso. Non sono stata l’unica a fare questa scelta, era veramente strapieno di turisti! Insieme al mio cagnolone ho seguito il sentiero della sponda destra del lago, arrivando in vista della diga. Infatti è un lago artificiale, nato per fornire energia elettrica alla Valle del Fiastrone, situata nel Parco dei Monti Sibillini.
Ho fatto un po’ di foto concentrandomi unicamente sulla bellezza del lago e del paesaggio circostante (per raggiungere questo scopo, ho addirittura “tagliato” dalle foto molte persone)!

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:

[23 Marzo e 8 Maggio – AN] Chef stellati al servizio dell’oncologia – CentroPagina

Moreno Cedroni e Mauro Uliassi sono i protagonisti del progetto “Stelle per l’Oncologia”, organizzato dall’Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona.
[…]
Stelle per l’Oncologia prevede due appuntamenti presso l’Auditorium Totti all’Ospedale di Torrette. Il primo giovedì 23 marzo, dove lo chef della Madonnina del Pescatore, Moreno Cedroni, racconterà l’importanza della cucina ad un pubblico di studenti di medicina, ricercatori e dottori. Il secondo appuntamento è lunedì 8 maggio. Questa volta il protagonista sarà lo chef Mauro Uliassi, dell’omonimo ristorante. L’evento è aperto al pubblico: un momento educazionale principalmente rivolto ai pazienti e ai caregiver, cui seguirà un cooking show dello chef, in cui verrà distribuito un opuscolo informativo sulla corretta alimentazione da adottare per prevenire i tumori e le recidive. Sempre a maggio verrà programmata una cena stellata con raccolta fondi per l’Oncologia in cui gli chef stellati prepareranno, insieme agli studenti del Panzini di Senigallia, un menù che privilegerà gli alimenti sani. All’Alberghiero di Senigallia inizieranno corsi educativi rivolti ai docenti in merito ai principi della corretta alimentazione per la prevenzione dei tumori.

Sorgente: Chef stellati al servizio dell’oncologia – CentroPagina – Le ultime notizie di Ancona e provincia

[In giro] Lecce 22 – 25 Febbraio 2017

Toccata e fuga a Lecce (e puntatina a Porto Cesareo) nei giorni scorsi. Non è stato un viaggetto di piacere e nemmeno una vacanza, ma sono comunque riuscita ad approfittarne per fare delle passeggiate in strade familiari.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Prima visita alla Cattedrale metropolitana di Maria Santissima Assunta, meglio conosciuta come il Duomo di Lecce, in uno scatto by night.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


A seguire il Palazzo del Seggio, più conosciuto come “il Sedile”, in Piazza Sant’Oronzo. Accanto si intravede una chiesetta, intitolata a San Marco.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Ultimo scatto della sera, l’esterno del Teatro Apollo, finalmente libero dalle impalcature che lo hanno imprigionato per anni ed inaugurato lo scorso 3 febbraio. Si trova in via Trinchese, una delle vie principali che compongono il centro storico.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Ancora centro storico: questo è il portone della Chiesa di Santa Teresa.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Nella via che conduce al Duomo leccese, un artista di strada che suona il piano. A quanto pare, esegue solo musica italiana e si sposta nelle varie vie del centro storico.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Il Campanile del Duomo, si trova alla sinistra di quest’ultimo.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Una parte dell’Anfiteatro Romano, si vede anche il “Sedile”. Anche l’Anfiteatro si trova in Piazza Sant’Oronzo ed è visibile solo per un terzo: il resto della struttura è ancora sottoterra, perchè in superficie abbiamo diversi edifici, tra cui una chiesa, costruiti prima della scoperta dell’Anfiteatro.
Durante il periodo natalizio, all’interno dell’Anfiteatro viene allestito un presepe con statue a grandezza naturale, su cui campeggia un’enorme stella cometa.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Uno dei gattoni “padroni” dell’Anfiteatro.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Il campanile del Duomo visto dall’Anfiteatro.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Questo palazzo si trova frontalmente a quello della Provincia, semplicemente mi piaceva questa costruzione.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Il portone d’ingresso del Palazzo dei Celestini, ex-convento dei padri celestini, attualmente sede della Prefettura e della Provincia. Alla sua destra si trova la Basilica di Santa Croce, al momento interamente nascosta da impalcature dovute ai lavori di restauro della facciata.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Una piccola parte dell’interno del Palazzo dei Celestini.

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


In queste ultime tre foto, le papere che ho trovato a Porto Cesareo. Ho trovato strano vedere le papere al mare!

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


C’era brutto tempo: mare mosso, cielo coperto e vento…

Un post condiviso da Mik (@meekhayla) in data:


Per concludere, uno dei vicoli del centro storico leccese.