L’umanità non è morta soltanto ieri.

L’umanità non è morta soltanto ieri.
L’umanità muore ogni giorno quando nutriamo la parte peggiore di noi.
Quando urliamo alla paura per il diverso anziché imparare a conoscere cose nuove.
Quando parliamo per sentito dire e usiamo luoghi comuni verso chi non ha la nostra nazionalità.
Quando insegniamo ai nostri figli ad avere pregiudizi.
Quando ci giriamo dall’altra parte dimenticando che potremmo esserci noi in quei luoghi.
Le persone sono persone,di qualsiasi nazionalità,di qualsiasi cultura,di qualsiasi luogo. L’umanità parte dal nostro piccolo e dalla compassione che nutriamo verso gli altri.
Non serve a nulla credersi brave persone perché si va a messa e si pagano le tasse se poi disprezziamo chi non è come noi.
Solo perché non conosciamo e non vogliamo sforzarci di ampliare la nostra mente.
Non serve a nulla condividere un link oggi e poi dire “tornate sui barconi” domani.
Serve ESSERE umani sempre, ricordando che le guerre arricchiscono soltanto chi specula sugli innocenti.
Arricchiscono quelli che ci propinano ideologie sbagliate convincendoci di fare il nostro bene.
Ricordiamoci che le persone che muoiono hanno sogni,desideri,famiglie e vite come le nostre.

Fonte: Deborah Groppo su Facebook

I commenti sono chiusi.